John Deacon

john-deacon-queen-immagine-pubblicaMi è appena arrivata una e-mail dal sito ufficiale dei Queen che pubblicizza un libro di Brian May, il celebrato chitarrista della nota band inglese. Ora tutti conoscono Brian May, ha suonato con numerosi altri artisti di fama internazionale, a più riprese ha anche partecipato al Pavarotti International. Negli ultimi anni s’è rimesso in pista come Queen insieme al batterista storico del gruppo, Roger Taylor, dando vita ad una lunga ed acclamata tournée internazionale con tanto di divudì finale ultracelebrativo.

Vabene, ma dov’è finito John Deacon? Il buon John (classe 1951, il più giovane tra i componenti dei Queen) è il bassista che ha partecipato a tutti gli album del gruppo, da “Queen” del 1973 a “Made In Heaven” del 1995, suonando in tutti i concerti della band quando chiamarsi Queen con alla voce quel mito che è Freddie Mercury aveva certamente molto più senso. Dopo aver omaggiato il compianto leader dei Queen a Wembley, nel corso del Freddie Mercury Tribute (aprile 1992), John Deacon ha detto basta alla musica. Vi è tornato brevemente per l’ultimo omaggio a Freddie con l’album “Made In Heaven” (anche se le sue linee di basso potrebbero essere ben più vecchie delle parti di chitarra e di batteria del diabolico duo May-Taylor) e per l’ultimo video dei Queen (stavolta ridotti a trio), No-One But You del 1997.

John Richard Deacon, ammogliato dal 1975, si è ormai ritirato a vita privata, in compagnia della numerosa prole, e si dedica alla piccola imprenditoria a tempo perso. Per il resto, presumo, campa alla grande coi diritti incassati durante la sua carriera stratosferica coi Queen: sì perché il nostro sarà anche stato il membro meno prolifico tra i quattro ma comunque in quel periodo lui se n’è uscito con due hit galattiche, Another One Bites The Dust (1980) e I Want To Break Free (1984). E che dire del suo fantastico giro di basso che s’è inventato per Under Pressure (1981), la suprema collaborazione tra i Queen e David Bowie?

A me dispiace che questo gentile musicista, sempre sorridente, sia oggi poco ricordato, come se il fatto che May & Taylor se ne vadano in giro facendosi chiamare Queen abbia oscurato del tutto la figura e l’importanza storica di John Deacon nella band. Voglio così ricordare che il buon John è l’unico componente dei Queen che, dopo la morte dell’inimitabile Freddie Mercury, ha avuto la dignità e il buon gusto di chiamarsi fuori dalle successive reinterpretazioni di una band che ha già detto tutto, ha scritto pagine importanti nella storia del rock e dello spettacolo e che non merita di riscritture attuali da parte di metà della band originale. Insomma, cari Brian Harold May e Roger Meddows Taylor, fate attenzione ad utilizzare il marchio Queen per i vostri loschi piani, potreste offendere la sensibilità di moltissimi ammiratori.

Autore: Matteo Aceto

Quarantenne, lettore onnivoro, cinefilo selettivo, ancora compro dischi.

35 pensieri riguardo “John Deacon”

  1. sentite sono d accordo cn parte del discorso cioè john deacon è stato davvero grande a dire basta alla carriera dopo la morte dell grande amico ovvero freddie ma credo ke nn dobbiammo x questo giudicare brian e roger loro hanno scelto di andare avanti ke poi secondo me è quello ke avrebbe voluto anke freddie infatti ha detto in un intervista ke anke con la sua morte il gruppo doveva continuare dopo tutto the show must go on lo spettacolo deve continuare forse dovevano utilizzare pero un pò meno il marchio queen pero sn contento ke nn hanno cambiato il nome del gruppo xke sarebbe stato come dimenticarne le origini spero ke organizzino un altro concerto in memoria di freddie magari dove john torni a suonare il basso ke ne dite….

  2. Ma guarda, caro anonimo (credo che tu sia diverso dall'anonimo precedente), è chiaro che uno come Roger Taylor e soprattutto uno come Brian May che altro potevano fare se non (ri)darsi alla musica? Però avrei gradito progetti solistici, magari anche reciproche collaborazioni, ma insomma, ognuno per la propria strada. Di soldi ne hanno fatti a palate, che altro bisogno c'era di pubblicare antologie su antologie e di rimettersi in gioco come Queen, per giunta come duo? Faccio ancora fatica ad accettarlo, forse potrei cambiar idea una volta ascoltato l'album da studio che i due più Paul Rodgers si apprestano a pubblicare entro l'anno.
    Vabbé, ciao, grazie per la visita, fatti risentire se vuoi.

  3. rivedere john con gli altri sarebbe incredibile, ma non credo che tornerà mai sulla sua scelta. io andrò a vedere comunque i Queen+P.R. a milano come ci andai nel 2005, in quel 5 aprile che resterà x sempreuno dei giorni più belli della mia vita, perchè quelli erano I QUEEN e cambiare nome non avrebbe avuto senso..insomma, cosa avrebbero eseguito se non le canzoni dei Queen? quando Freddie era ancora vivo e loro andavano in tour, viaggiavano su aerei separati perchè nel caso in cui uno fosse caduto gli altri tre avrebbero potuto continuare..credo che questo la dica lunga. percui, a malincuore, bravo John per la scelta coraggiosa e bravi Brian e Roger per regalarci ancora emozioni!!!

  4. sono ancora quelo di qua sopra…comunque solo ad onor del vero:
    1) l'ultima apparizione di John con i Queen non è nessuna di quelle da te indicate, ma un'esibizione a Parigi nel 1997, assieme Brian, Roger ed Elton John.
    2) John ha partecipato a tutti i concerti dei Queen ad eccezione dei primi 20-30, contrariamente a quanto da te riportato.
    3) John si è, come dici tu, “chiamato fuori” dai Queen perchè l'aveva promesso a Freddie, cosìccome Roger aveva promesso di non rivelare a nessuno il senso di Bohemian Rhapsody, del quale è l'unico a conoscenza. Per cui il fatto che John non ci sia oggi non è né una scelta di partito preso per propria dignità o contrarietà al progetto (come molti affetti da queenpiùpaulrodgersite acuta paventano per avvalorare le loro tesi disfattiste) né per “mancanza di rispetto” degli altri membri, semplicemente per una diversità di rapporti nel confronto del compianto Freddie.

  5. Sì, è vero, l'ultima apparizione di John coi Queen è in quell'esibizione con Elton. Si vede che non ho comprato “Greatest HIts III”, vero?
    Sul fatto di aver partecipato a tutti i concerti mi riferivo a quelli in cui John era entrato nel gruppo e non ai Queen senza di lui.

    Ciao, sempre un piacere discutere con i fan dei nostri gruppi preferiti!
    🙂

  6. già, davvero sempre un piacere!
    comunque nemmeno io ho il GH III perchè lo ritengo uno scempio, soprattutto, per restare in tema Deacon, il remix ORRIPILANTE di Bites the Dust. però il video di Bri John e Rog con Elton John ce l'ho tra i preferiti su YouTube…in un certo senso è un pezzo di storia, per quanto riguarda John!
    Ciao e complimenti per il blog

  7. secondo me…i queen sono e saranno per sempre un grande gruppo…anche senza i compianto freddie e il buon jhon….infatti andrò a vedere lo stesso il concert dei queen a settembre…perche ci sono sempre roger e brian…viva queen!!!

  8. Che devo dirti, buon divertimento! Io non ci sarò. Accetterei di vedere Brian May dal vivo solo come solista: stavo per riuscirci negli anni Novanta, ma il suo previsto concerto al Vox Club di Nonantola (in provincia di Modena, se non ricordo male) venne annullatto perché il nostro aveva la tonsillite. Il prezzo del biglietto mi venne rimbosato ma la delusione fu tanta. Ciao!

  9. i queen mi hanno aiutato in un dei momenti piu' brutti della mia vita (sono stati il migliore degli psicologi x me)e x me son sacri.il 24 nov. 1991 si sono consacrati mito.il tributo era doveroso ma doveva finire li'(quello che ha fatto john)xche' il mito rimanesse intatto.roger e brian sono alla pari di vecchiette imbottite di botox x sembrare giovani facendosi ridere dietro(c'era bisogno poi che brian contasse too much love…al tribute?x me cattivo gusto!).con questo non giudico chiunque vada ai loro concerti o acquisti i loro cd,solo basterebbero carriere soliste o in gruppo ma con un altro nome.non penso abbiano bisogno del nome queen x far soldi(o no?).la regina e morta,dio salvi la regina (dai suoi stessi sudditi).

  10. LEGGETE QUESTE PAROLE SANTE:”In tutta sincerità, mi sembrano ridicole le polemiche succedutesi a tali annunci e questo per più di un motivo: innanzitutto perché ora i media sono pronti a gridare allo scandalo ma, quando Freddie era ancora in vita, i Queen venivano comunque considerati dalla critica di massa come un prodotto commerciale fatto e finito e spesso neppure della miglior specie (Innuendo venne definito il solito disco dei Queen, per intenderci); una volta finiti, però, per magia in molti hanno rinnegato le proprie parole… L’omosessualità del singer ha sempre condizionato la stampa ad un livello mai visto nei confronti di altre star internazionali (mi viene in mente Elton John), ma dopo la sua morte gli stessi detrattori hanno cambiato idea, considerandolo immortale ed accusando Brian e Roger di marciare sul mito, di raschiare il barile e di sfruttare un genio della musica fin dopo la sua morte. In realtà al di là del già citato “Made In Heaven”, desiderato anche da Freddie, i due si sono limitati ad alcuni live di ottima fattura in versione cd e dvd e poco altro. Prima di parlare di speculazioni sarebbe meglio andare a rivedere il catalogo di gente come Hendrix o Doors, le cui uscite (regolarissime) però vengono sempre pubblicizzate e recensite come nuovi capolavori…Inoltre ritengo che se due musicisti del calibro di Brian May e Roger Taylor si rimettono in gioco a sessant’anni con un disco che può solo far perdere loro credibilità, vorrà dire che ci credono davvero. Smettiamola poi con la questione del bisogno di soldi o altre amene boiate: ogni anno sono tra i gruppi più venduti al mondo. Certo, esiste il problema Paul Rodgers, ma esiste solo per quelli che vedono in lui il cantante che ha “sostituito” Freddie Mercury nei Queen o che Brian e Roger hanno voluto mettere al suo posto. Evidentemente qui si entra in campo psichiatrico e, pur potendone parlare, preferisco astenermi da ulteriori commenti.”
    Da quello che dice Mat sembra che siano stati i QUEEN (perchè ancora quello è il loro nome!) a “buttare via” il buon vecchio John Deacon…Ci vuole un po' di tolleranza verso le diverse scelte che ognuno di loro ha fatto..anche perchè sono ancora in buoni rapporti fra loro, con John!
    Infine mi sembra che faccia un po' ridere un marchio del tipo May&Taylor…come dovrebbero chiamarsi..”I Superstiti”???!
    Ciao a tutti e W i Queen!!!!
    Debbie

  11. Già,lo stesso Roger in un'intervista ha risposto a proposito di John dicendo che lui è sempre il benvenuto se volesse tornare con loro e che l'ultima volta che l'ha sentito è stato in occasione dell'apertura del musical (quindi direi nel 2002), per il quale si dichiarava favorevole e appoggiata ogni loro iniziativa.E sempre Roger ha ricordato che tornano a suonare perchè è il loro lavoro e la loro grande passione, cercando di chiudere la bocca a chi pensa che lo facciano solo per soldi!

  12. Ciao a tutti.
    Ho trovato un pò per caso qusto blog e volevo dire la mia opinione.

    Quando seppi che ciò che restava dei Queen avrebbe fatto un tour, non stavo nella pelle: ho 29 anni e il desiderio di poterli vedere dal vivo (anche se senza Freddie) era enorme.
    Mi dispiaceva molto anche il fatto che non ci fosse John per scelta sua, ciò nonostante andai a Pesaro e dopo 11 ore di attesa, potei assistere a uno dei concerti più emozionanti della mia vita, tanto da arrivare alle lacrime su Bohemian Rhapsody sulle immagini di Freddie che si sovrapponevano alla musica live.

    Questo per dire che ho apprezzato ciò che han fatto Brian e Roger erchè l'ho vista come un dare la possibilità a chi non aveva mai vissuto la musica dei Queen dal vivo, di poterlo finalmente fare.
    Allo stesso modo apprezzo la coerenza di John che non è mai tornato sui propri passi e preferisce non suonare più.

    Grazie quindi ai Queen, anche quelli di ora, per le enormi emozioni che mi hanno regalato!

  13. Ragazzi, grazie veramente a tutti per i vostri interventi. Anche se non posso condividerli tutti, ne ammiro la pacatezza e la passione. I Queen ci hanno regalato grandi emozioni e, evidentemente, continuano a regalarli anche ora che sono un duo. Io resto attaccato alla mia opinione: i veri Queen sono un quartetto, guidato da un personaggio assolutamente indimenticabile e di fatto insostituibile, Freddie Mercury. Da “Queen” (1973) a “Innuendo” (1991) questa formazione ci ha regalto grandissimi dischi. Mi bastano quelli, continuerò ad ascoltarli finché avrà vita.
    Ciao a tutti, grazie ancora per i vostri interventi

  14. Ragazzi, che bello vedere tanti fan dei Queen!Vi dirò, ho sempre adorato tutti e 4 e non mi spiace vedere le performances dei nostri ormai vecchietti (e ricordo che sia Brian che Roger hanno intrapreso qualche progetto da solisti…). Ma Paul Rodgers mi fa venire il latte alle ginocchia!!! Credo che abbiano fatto bene a scegliere un cantante completamente diverso da Freddie (sarebbe stata una penosa e pallida imitazione dell'inimitabile…), ma uno che canta come se avesse un attacco di colite spastica in atto…
    Niente da dire se i superstiti hanno voluto continuare, ma anche nel mio cuore i Queen saranno sempre e solo quei quattro!!!Elisa

  15. assolutamente concordo…vorrei tanto vederlo al caro John…è stato un uomo di classe lasciando la band senza Freddie… dal 1995 con Made in Heaven la Band ha chiuso il ciclo storico…come è giusto che sia…almeno per Freddie

  16. Ragazzi,
    ci sono anche io che voglio dire la mia.
    I queen sono la mia passione da tanti anni e ho comprato il primo basso guardando john dal videoregistratore. Mi emoziono al solo pensiero, figuriamoci vederli dal vivo cosa sarebbe stato. Però non me la sono sentita di andare a vedere ciò che resta dei Queen, non mi interessa proprio. Se ci fosse stato John, non avrei esitato a farmi le 11 ore di fila, ma senza lui per me non aveva senso. Se non c'era unanimità nella scelta, secondo me, non andava perseguita. In certe cose si richiede un quorum particolare e questa situazione richiedeva il tutti o nessuno.
    Resto dell'idea che è bello sapere che il nome queen giri ancora e proprio la settimana scorsa sono tornato per la terza volta a montreux, ai piedi di Freddie. Sento ancora bisogno di comunicare con loro. Ma posso farlo meglio da casa ascoltando i loro dischi e vedendo le loro immagini, dal vivo mi sentirei solo un pò più triste.

    W i Queen e w le emozioni indelebili che ci hanno regalato.
    Luca

  17. Ciao Luca, grazie per il tuo commento! E grazie anche agli altri che sono intervenuti in questo che è diventato un dibattito sul fatto se i Queen ridotti al duo May & Taylor abbiano ancora una dignità.

  18. Ciao a tutti. Sono un vecchio fan dei Queen, a occhio e croce da “A kind of magic” (A quei tempi avevo circa 12 anni). Sono d'accordo con chi difende la scelta di John, ma vi posso dire che la mattina in cui hanno dato la notizia che Freddie se ne era andato mi stavo recando all'università e, mentre guidavo ho iniziato a piangere, come se fosse morto il mio migliore amico (so quello che dico, un paio di miei amici se ne sono andati prematuramente). In quel momento ho realizzato che si stava chiudendo un ciclo. La prima cosa che pensai fu: Addio Queen, non sentiremo più parlare di voi. Poi mi resi conto, ascoltando “The show must go on”, che Freddie non avrebbe mai voluto che la band si sciogliesse. Ora ho una nipotina di 14 anni, appassionata di musica anni 80. Le ho fatto ascoltare qualcosa dei Queen e lei ha apprezzato. Mi ha però confidato di non aver mai sentito parlare dei mitici Queen. Secondo me l'opera che stanno portando avanti Brian e Roger è di estrema importanza, perchè fa conoscere alle nuove generazioni una delle band più grandi del secolo scorso. Per rispondere a chi dice che quella dei 2 “superstiti” è solo un'operazione per sfruttare il marchio Queen e fare soldi posso solo rispondere che se veramente uno è un fan, saprà anche che i proventi delle vendite di alcuni cd usciti dopo la morte di Freddie sono stati INTERAMENTE destinati ad una fondazione voluta proprio da Freddie per la ricerca sull'AIDS; in secondo luogo, Brian e Roger NON sfruttano il marchio Queen, tanto è vero che sulla copertina del disco registrato con Paul Rodgers c'è scritto QUEEN + Paul Rodgers. Il consiglio che vi posso dare è: fate come me, ogni tanto riascoltatevi TUTTA l'opera dei Queen, compreso il materiale prodotto quando si chiamavano Smile, ascoltate i testi, e capirete che un vero fan dei Queen non solo DEVE rispettare le decisioni di John, ma deve essere anche felice che lo spettacolo vada avanti e, chissà, un giorno potremo apprezzare anche qualche loro nuovo lavoro. Sinceramente vostro,
    Luigi.

  19. Il 30 Aprile del 2002 è stato il giorno più bello della mia vita!!
    Lavoravo al Lyric Hammersmith di Londra, esattamente al Cafè Brera come cameriere. Verso le 16,30 mi accorgo che davanti a me c'era Brian May che parlava con il direttore del teatro!!!
    Gli ho chiesto un autografo, gli ho detto che i Queen sono molto imporanti per i giovani italiani.
    poi l'ho rivisto altre volte, ho parlato anche di alcune curiosità sui Queen!!!
    Brian veniva al Teatro perchè la moglie Anita recitava nel musical che veniva interpretato in quei mesi.
    A Roma andrò a vederli sicuramente.
    Sono cresciuto con loro!!!
    W i Queen.

  20. Quando leggo questi editoriali assurdi, mi chiedo se chi li scrive sia a conoscenza di quante rock band hanno cambiato buona parte del loro organico mantenedo il loro nome, e nessuno ha gridato allo scandalo! Dei Deep Purple si conoscono 6 formazioni diverse, i Pink Floyd hanno continuato anche dopo il ricovero di Syd Barrett o la dipartita di Roger Waters, gli Who si riformano periodicamente nonostante siano rimasti solo in 2, gli Stones hanno più ex membri che membri attuali, stesso dicasi per i Kiss, i Metallica e i Toto… e nessuno rompe loro le scatole, nonostante nulla di quel che fanno vada in beneficienza. I Queen deviano in donazioni la maggior parte dei profitti del loro nuovo corso, ma… siccome sono i Queen e non i Metallica o i Pink Floyd, allora non dovrebbero chiamarsi più Queen. Assurdo, assurdo. La gente ha delle pretese folli.

  21. Che tristezza vedere una band mitica e unita che dopo la morte di Mercury non ha avuto il coraggio di cambiare il nome della band.

  22. Che tristezza leggere simili pretese su una band che è composta dai 2 membri fondatori dei Queen ed esegue il repertorio dei Queen… perchè mai cambiare nome? Altre band, mutilate da defezioni più numerose (i Deep Purple continuano a chiamarsi così anche se non è rimasto nessuno dei mebri fondatori, ormai), spesso causate da semplici litigi, NON hanno cambiato nome…

  23. ok… i queen sono finiti nel 1991 con quel capolavoro assoluto che è Innuendo…album assurdo per i tempi e la popolarità della band..ancora oggi originale e sorprendente…Made in Heaven non lo considero nemmeno..se non altro per la presenza di qualche brano inedito e la preziosa testimonianza di qualche registrazione di Freddie..ma il 70 per cento è roba vecchia..il testamento artistico e spirituale di Freddie è Innuendo..basta!!!!cosa è successo in questi anni??? semplice..Brian e Roger hanno voglia di suonare..e lo stanno facendo..e hanno voglia di suonare il vecchio repertorio..Hanno voglia di suonare assieme tie your mother down…bohemian rapsody …eccetera…e ti credo..le hanno scritte loro..come dargli torto…si divertono a suonarle…le adorano quelle canzoni…perchè non farlo??? e perchè non farlo per bene?? finalmente…e non quelle cretinate con Pavarotti, Robbie Williams, cantantucoli e fighette varie…partecipazioni a festivale e spettacoli assurdi…meno male..sono riusciti a uscirne fuori…stavano veramente diventando ridicoli…hanno incontrato Paul Rodgers…che comunque di musica e di rock ne capisce eccome…e oltretutto a 60 anni canta come un ragazzino..Deacon non ne ha voluto sapere ma li ha benedetti..e soprattutto…hanno fatto un disco eccellente…superiore anche a Made in Heaven…(a parte l'atmosfera eterea e surreale determinata anche da Freddie e dalla tristezza di fondo che pervade quel disco)…i nonni sono tornati ragazzini..Brian suona da dio nel 2008…come nel 73..niente fronzoli..niente pippe mentali…hard rock potente…grezzo ma raffinato…e tutti igruppetti arricchiti, arrichioniti e viziati vecchi e nuovi si staranno cagando sotto (vedi U2, quel che rimane dei genesis, e tanti altri)..si sente che è un disco che è dettato dalla voglia di suonare…non solo dai soldi che tra l'altro già ne hanno tanti…i ragazzi si sono chiusi in sala prova…e si sono messi a suonare..semplicemente..niente virtuosismi da studio e da banco mixer..giri blues..standards rock…e brani veloci…nemmeno un momento patetico o palloso..due ballads ma manco tanto ballads…e tanto tanto rock…e chi lo suona più oggi l'hard rock??? onesti…hanno suonato e composto tutto loro tre, il primo nome nei ringraziamenti e Jhon Deacon…in turnne ci stanno il buon vecchio e fedele Spike Edney e il bassista di un'altra grande band anni 70: i Blue Oster Cult…e che volete più??? anche io ero scettico…e nel 2004 non andai al concerto pechè li odiavo..ora ho capito tutto…approvo in pieno…e quella gran baldracca di Freddie sono sicuro che approverebbe anche lui…non hanno fatto le cose con superficialità…non odiate Paul Rodgers…fa bene il suo lavoro…canta benissimo l'unico suo problema è che somiglia troppo ma davvero troppo a quel pazzo di chuck norris…w il rock…w Brian May e Roger Taylor che già so che venerdi mi faranno ancora piangere e ridere e sentirmi vivo…W i Queen…la vera e unica band che si può dire ha continuato degnamente il lavoro nella musica inaugurato dai Beatles…dopo di loro solo i Radiohead…ma i Queen, a differenza dei Beatles, sembra che incredibilmente…abbiano ancora qualcosa da dire…spero che facciano altri dieci dischi e altri mille concerti…Bravi bravi…basta mi fermo qui…vitolupo@email.it

  24. Continuo a ricevere appassionati commenti su questo mio vecchio post. Vedo che non tutti la pensano come me, anzi, forse alla magior parte di voi fa piacere che i Queen – suppur ridotti a duo – siano tornati in attività. Comunque, ringrazio tutti voi per i vostri interventi, sempre molto corretti e pieni di passione per la cosa che qui più c'interessa: i Queen.

  25. Bello l'articolo. Io resto più legato alla vecchia formazione. Anche se sono stato a Roma e il concerto è emozionante, ti resta nei ricordi x sempre. se volete sul mio blog c'è la recensione dell'ultimo disco The Cosmos Rocks e la recensione del concerto di Roma, con alcune delle foto scattate.
    ciao!
    http://www.sweetsensations.splinder.com

  26. ho letto quello ke avete scritto…
    alcuni sono a favore dei nuovi progetti dei queen altri no.
    penso ke i queen stiano facendo la cosa migliore.freddy fu il primo ha dire “the show must go on” e che avrebbe detto da la su se i suoi compagni non avessero rispettato la sua volonta di mantenere vivo il nome queen.sono stato al concerto di roma per la seconda volta ed è stato spettacolare ed emozionantissimo.ci riandrei anche 1000 volte.inoltre il nuovo cd è stupendo e innovativo!!!!!w freddy is suo amore per me è retorico per me è un mito ma w brian e roger

  27. Caro Anonimo del 1 Ottobre… innanzi tutto Freddie (si, femminilissime IE come finali del nome..) e non freddy con la Y
    Poi vorrei dire anche la mia, che sono fan dei Queen da anni (facevo le scuole medie..) Sono e saranno sempre nel mio cuore. Come dimenticare il LIVE AID del 1985; e il grandioso Live ad Wembley? La scelta di John è più che da ammirare, però non discriminiamo nemmeno Brian e Roger che hanno continuato a scrivere musica e fare vari concerti (anche per beneficenza…) in giro per il mondo. Penso: libero arbitrio e VIVA, VIVA, VIVA i Queen, da ora e per sempre. Freddie=inconfondibile ed inimitabile voce del rock.

  28. i queen erano freddie…dal 91'in poi non c'é una sola canzone”nuova”che riesce a ricordare con”decenza”gli anni di attività con mercury…certo,vogliono suonare e…che suonino con i loro nomi:may-taylor+paul rodgers!il nome queen tra l'altro é un'idea di freddie…”perche' no queen,suona bene,come queer,frocio”diceva scherzandoci su la”prostituta musicale”come si defini'in un intervista…lui era mercury,il messaggero degli dei…e finche' é stato fra noi ha”comunicato”emozioni come pochi hanno fatto…non le ha certo”elomosinate”come brian e roger durante i live mettendo su la sua voce in bohemian,o facendo passare le sue immagini durante un assolo di chitarra di may…ridicolo…i live dei queen sono ancora emozionanti perché sono un continuo tributo allo stesso mercury…basti guardare cosmos rock per capire quello che dico…non c'é piu emozione…quella emozione che tutti noi proviamo quando ascoltiamo i queen con mercury…

  29. Sì, anonimo del 6 novembre, trovo anch'io di cattivo gusto le immagini di Freddie passate sugli schermi durante l'esibizione di un gruppo che di Queen ha solo la metà.
    Grazie davvero a tutti per i vostri interventi. Vi prego però di firmare i commenti, anche sotto pseudonimo, e di evitare l'anonimato.

  30. l'anonimo del 6 novembre…é” firmato”jack t….ciao mat!il problema é proprio questo…a mio parere may e taylor,rappresentano la”metà”dei queen solo numericamente,ma non”artisticamente!”.Faccio un es:in un intervista freddie racconto'che un giorno roger si presento'da lui con il suo nuovo pezzo”a kind of magic”…be a freddie il pezzo non piacque e gli disse ora la faccio a modo mio…risultato?anche a taylor piacque di piu'la versione”rifatta”di mercury,e sappiamo tutti il successo che ha ottenuto questo pezzo…secondo il mio parere le nuove canzoni di may e taylor non sono piu'capolavori perche'non c'é piu'il”tocco”di mercury…se cosi non fosse perche'non scrivono canzoni emozionanti come quelle passate?perche'buttarsi nel blues?perche'se hai un sound inconfondibile?!perche'ora hanno un cantante blues?no ragazzi,bisogna ammetterlo…perche'il sound dei queen era l'impronta data da freddie nelle canzoni con i queen e senza i queen…visto che le canzoni”soliste”di freddie “assimigliano”molto a quelle dei queen…cio'non é così evidente con i progetti solisti di may e taylor…addirittura livin on my own,canzone solista di mercury é nella greatest hits 3!a mio parere gia'questo basterebbe come esempio di ammissione degli stessi queen superstiti che mercury era the”queen”con o senza di loro…mentre i restanti queen faticano ad essere loro stessi…figuriamoci i queen!meditate gente meditate…nuovamente jack t.

  31. Infatti, caro Jack t, quando si pensa a Freddie Mercury viene subito in mente la sua voce possente, il suo stile musicale barocco e il suo innato senso della bellezza melodica. Più sottovalutata mi pare infatti la capacità di Mercury di operare come produttore: l'esempio che citi tu, il brano A Kind Of Magic, è emblematico di questo aspetto.
    E' altrettanto vero che la mano degli altri tre Queen in pezzi “solisti” di Freddie si avverte benissimo: in Love Kills, in Man Made Paradise e in How Can I Go On?, tanto per fare degli esempi.
    Insomma, sono del parere che i Queen – intesi come il quartetto storico del periodo 1972-1991 – erano una squadra perfetta per il tipo di musica che mettava su nastro. Tolto anche uno solo dei componenti originali (e figuriamoci uno come Freddie) ecco che la magia scompare.
    Ciao, ti ringrazio della visita… alla prossima!

  32. daccordo caro mat…ma siamo sempre li…man made paradise,love kills ecc…parliamo sempre di freddie mercury”vivente”…cioe'dico,dal 1991,guarda un po'che culo,non riescono piu' a comporre canzoni a livello di quelle soliste di freddie mercury, che non sono nemmeno considerate come altissime produzioni dello stesso vocalist dei queen…e che diamine…guarda mat,la cosa che piu'mi fa'andare in bestia é la giustificazione di molti fan,scritta su diverse discussioni/blog:si vabe'ma ora i queen hanno sessant'anni…e che se ne stiano a casa se non riescono a fare un disco a livello del nome che si ostinano a portare!guardate da fan dei queen ho comprato il loro disco,sapendo comunque che sarebbe stato qualcosa di diverso…be'ho fatto fatica ad ascoltarlo tutto…non contento l'ho fatto ascoltare ad altri amici per avere pareri”esterni”…sai cosa mi hanno detto TUTTI?questi NON SONO I QUEEN!(per dirla tutta un mio amico pensava ad uno scherzo quando gli fatto sentire alcuni pezzi del nuovo album).Questa é speculazione…brian ha detto che poteva starsene a casa con tutti i soldi che ha…pero'ha deciso di mettersi ancora in gioco…seee!!!facendo concerti con filmati e voce di mercury!!!AMMAZZA CHE CORRAGGIO!!!S'E'PARATO IL CULO DICO IO!!!!!Ci sono milioni di fa dei queen nel mondo che a mio avviso sono stati”traditi”…i queen avevano un loro”marchio”di fabbrica vocale e compositivo,che oramai non c'e' più…quindi…che non infaghino più il nome che(aridaie)portano…ultima cosa e poi mi fermo qui…ho sentito altri commenti di persone che dicono che bello i queen suonano di nuovo cosi'nuove generazioni conosceranno i queen…cazzo era gia'cosi!riedizioni di concerti,trasmissioni televisive sui queen ovunque e con continuita'…insomma é come dire che le generazioni degli anni 70'80'ecc.non dovevano conoscere i BEATLES secondo questo ragionamento?!Scusate lo sfogo,ma sono stanco di sentire scuse per giustificare il livello qualitativo BASSO dell'ultimo album dei queen…é un'insulto all'intellingenza di tutti coloro che hanno amato i queen,o meglio ancora la buona musica in generale…é il caso di dirlo:chi si accontenta…non gode…e nemmeno godra'se si incoraggiano ste cazzate…buona notte a tutti jack t.

  33. Penso esattamente la stessa cosa, dignità e buon gusto, i Queen senza Freddie e John non sono i Queen. John, che è un bassista geniale, si considera una “persona”, e ha voluto da sempre essere una persona normale, con i piedi per terra. L’ego enorme e “fame” di attenzioni degli altri due è sempre emerso se si fa caso alle interviste nella storia del gruppo. Freddie ha sempre avuto più intesa con John, più vicinanza, penso che fossero più simili (gentili, intelligenti, acuti, osservatori, creativi , personali ed originali nelle composizioni delle loro musiche e canzoni), e tante volte mi sono chiesta se “You are my best friend” scritta da John non fosse in realtà stata scritta anche pensando a Freddie. John ha tutta la mia stima.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...