The Beatles, “Julia”, 1968

the-beatles-album-bianco-white-album-juliaNon è detto che nel catalogo di un artista le canzoni più belle siano quelle pubblicate su singolo. Di conseguenza non è detto che un ‘greatest hits’ rappresenti per forza un ‘best of’. Tanto per dirne una, fra le canzoni che più amo dei Beatles c’è Julia: mai edita su singolo, mai apparsa nelle raccolte dedicate ai Fab Four, bensì posta a chiusura del primo LP del doppio “The Beatles” (1968), il celebre album bianco.

Julia è una tenerissima ballata acustica dedicata dal suo autore, John Lennon, alla propria madre, morta quando John era poco più che un bambino. La chitarra acustica arpeggia lievemente, trasportandoci pigramente alla deriva, mentre il canto di Lennon, quasi un sussurro, è di una dolcezza commovente. In alcuni punti la voce è raddoppiata mentre gli accordi di chitarra sono simili a quelli di altre due coeve creature lennoniane, Dear Prudence (incisa dai Beatles per lo stesso album bianco) e Look At Me (incisa dal solo John per il suo primo album post-Beatles, “John Lennon/Plastic Ono Band”, edito nel 1970).

Annunci

Autore: Matteo Aceto

Quarantenne, lettore onnivoro, cinefilo selettivo, ancora compro dischi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...