Questa, poi… tornano pure gli Yazoo!

yazooQuesta, poi, non l’avrei mai nemmeno immaginata! Nel 2008 assisteremo pure al ritorno degli Yazoo, duo elettropop dei primi anni Ottanta formato dal tastierista Vince Clarke, all’epoca in fuga dai Depeche Mode, e dalla bravissima cantante Alison Moyet.

I redivivi Yazoo torneranno in azione per un breve tour inglese, a partire dal prossimo 4 giugno, ma non è detto che non faranno qualche tappa nell’Europa continentale nel corso dell’anno. Chissà, staremo a vedere.

Il duo pop si formò all’indomani della dipartita di Vince dai Depeche Mode, dopo che ebbe scritto la maggior parte del loro primo album, “Speak & Spell” (1981). Ingaggiata così la Moyet, se non erro una compagna di scuola di qualche Depeche Mode, gli Yazoo debuttarono nel 1982 con l’album “Upstairs At Eric’s”, forte dei singoli Don’t Go e Only You. L’anno successivo pubblicarono “You And Me Both”, un album che volò al 1° posto della classifica inglese e del quale ricordo il bel singolo Nobody’s Diary. Ho entrambi questi album, su vinile, e credo che qualsiasi fan dei Depeche Mode dovrebbe almeno provare ad ascoltarli, in particolare “Upstairs At Eric’s” che suona esattamente come il seguito di “Speak & Spell” (più di quanto suoni “A Broken Frame”, il disco che i redivivi Depeche Mode diedero alle stampe nel 1982).

Dopodiché Vince Clarke sciolse la collaborazione con Alison Moyet e così, mentre lei diede vita ad una carriera solista abbastanza brillante (soprattutto nella parte restante degli anni Ottanta), lui fondò gli Erasure col partner Andy Bell, altro duo elettropop attivo tuttora.

In occasione dell’inaspettata (per me…) reunion degli Yazoo, verrà pubblicato un cofanetto con la produzione edita & inedita del duo. Per tutte le altre informazioni rimando però al sito ufficiale, che cercherò di tenere d’occhio nei prossimi mesi.

– Matteo Aceto

Annunci

Autore: Matteo Aceto

Quarantenne, lettore onnivoro, cinefilo selettivo, ancora compro dischi.

9 pensieri riguardo “Questa, poi… tornano pure gli Yazoo!”

  1. sai che io non li ho mai ascoltati??ho sempre provato una forte antipatia per vince clarke e così non mi sono mai avventurata in ascolto di pezzi post-DM..

  2. Lavinia,
    però in fatto di musica italiana mi batti tu!
    😉

    Nightnurse,
    no, dài, da te non l'avrei mai sospettato! In effetti Vince non c'entrava poi molto con la darkettonaggine dei Depeche Mode, ha sempre avuto un'anima pop molto più commerciale. Però, a parte valutazioni personali & private su Clarke, penso che il suo talento sia fuor di dubbio. A suo modo è (stato) un genio. Se posso darti un suggerimento, ti consiglio la raccolta “Pop! The First 20 Hits” degli Erasure.

    Eternauta,
    essì, la musica che producono oggi i giovani artisti manca del tutto di carisma. Il passato ritorna. Per fortuna… è stato un immenso piacere, tanto per dire, vedere i Police a torino, lo scorso 2 ottobre!

    Ciao a tutti!

  3. Questa è bella!!!! Ma dove le vai a pescare queste news??!!! Se fanno un salto in Italia, se non altro per nostalgia, vado a sentirli. Alison Moyet e gli Erasure…tutti ricordi adolescenziali… Grande Mat!!!! 😉

  4. He, he, he, Donnigio caro, ho le mie fonti! Sono contento che te li ricordi anche tu, del resto abbiamo quasi la stessa età. Ciao, a presto!
    🙂

  5. A me Alisonona è sempre piaciuta…e tanti anni fa cantava “That Ol' Devil Called Love” molto ma molto bene…Peccato assomigli come una goccia d'acqua a una mia vecchia compagna di banco delle superiori stronza come pochi

  6. Sì, anche a me piace la Moyet, ha creato una serie di canzoni pop veramente ottima. La cover che dici tu è azzeccatissima, fatta con classe. Forte la storia della compagna di classe!

  7. Wow, vedo che stavi parlando anche della Alison e degli Yazoo un po' di tempo fa, e non mi posso trattenere! Dopo Blondie qualche anno fa, ecco ritornare anche lei. Assolutamente stupenda con quella voce rauca ed il fisico poco anni '80. E poi, da lì partono anche i Depeche Mode e gli Erasure.

I commenti sono chiusi.