Alicia Keys, “If I Ain’t Got You”, 2003

alicia-keys-if-i-aint-got-you-immagine-pubblicaM’è sempre piaciuta If I Ain’t Got You di Alicia Keys, fin dalla prima volta che l’ho sentita in radio, cinque anni fa. Tirai allora un respiro di sollievo, pensando che anche fra le nuove generazioni d’idoli pop c’è qualcuno che riesce a cacciare fuori una magnifica ballata pianistica carica di soul, suonata e interpretata come si faceva una volta.

Soul ammaliante è la prima cosa che mi viene in mente per descrivere If I Ain’t Got You, tratta da “The Diary Of Alicia Keys” (2003), secondo album della brava (e pure bella) cantante americana, dalle origini anche italiane.

Che poi, a dirla tutta, la versione di If I Ain’t Got You che preferisco è quella che Alicia ha riregistrato con Usher, diventata in poco tempo uno dei miei duetti preferiti.

– Mat

Annunci

Autore: Matteo Aceto

Nato negli anni Settanta, abruzzese con un pezzetto di cuore lasciato a New York, marito, papà, impiegato, tifoso della Ferrari, nostalgico di Schumi e dei vecchi campioni del pugilato, lettore avido ma distratto, cinefilo che rivede sempre gli stessi film, compratore assiduo di dischi.

4 thoughts on “Alicia Keys, “If I Ain’t Got You”, 2003”

  1. Anche a me piace la Keys che poi canta nel più classico stile soul, tanto “nero”. Poi ho visto su YouTube un'altro If I Ain't Got You, ma di Kevin Michael. E mi sembra che somigliano un po', che ne pensi?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...