Peter Murphy, “Dust”, 2002

peter-murphy-dust-immagine-pubblica-blogAltro disco edito in questo decennio e particolarmente amato dal sottoscritto è “Dust”, sesto album solista di Peter Murphy, la voce storica dei Bauhaus. Se proprio non vogliamo classificarlo come il miglior album del cantante, questo è certamente il suo lavoro più ambizioso & raffinato. “Dust” è infatti una personalissima fusione fra dark, musica etnica & ambient, un disco realizzato col prezioso contributo di Mercan Dede. Il musicista turco, qui in veste di produttore assieme allo stesso Murphy, ha infatti stretto col cantante inglese una curiosa relazione artistica, all’insegna d’un reciproco scambio fra cultura occidentale & cultura mediorientale: il buon Dede, un turco residente in Canada, che realizza un disco con Peter Murphy, una gothstar inglese trasferitasi da tempo in Turchia, incidendo il tutto fra i due Paesi con musicisti (più o meno) locali.

Da questo scambio è nato “Dust”, l’album più atipico & sorprendente della discografia (solista e non) di Peter Murphy, a mio avviso il suo disco più bello. Un album lungo quasi settanta minuti e suddiviso in sette nuove canzoni (Things To RememberFake Sparkle Or Golden Dust?No Home Without Its SireJust For LoveGirlchild AglowYour FaceJungle Haze) più due del passato (My Last Two Weeks e Subway) rivisitate con la nuova estetica, per cui la durata media dei brani sfora ampiamente i sette minuti.

La bellissima voce di Peter – qui più espressiva che mai – si staglia superbamente su basi musicali eseguite con strumentazioni elettroniche, elettriche, acustiche e/o tipiche della musica (medio)orientale. Oltre ai canonici chitarra (in alcuni pezzi suonata dal grande Michael Brook), basso, batteria e tastiere, troviamo infatti il violino elettrico (suonato dal bravissimo Hugh Marsh), il violoncello, la tabla, ma anche strumenti poco noti al pop-rock come kanun, didgeridoo, ud, cumbus, ney e dolak. Oltre che tutta una serie d’effetti sonori elettronici e/o ambientali che contribuiscono enormemente alla superlativa resa sonora di “Dust”.

Un album crepuscolare, denso, a volte pure un po’ pesante all’ascolto (soprattutto per via della lunghezza complessiva), eppure molto appassionato, sofisticato e ricco di sfumature, suonato & prodotto magnificamente. Elegante anche nella confezione, con quel libretto nero dalle pagine plastificate, un libretto che Peter Murphy mi ha autografato quando ho avuto il piacere di vederlo in concerto a Roma, nel 2005, in occasione della promozione del seguito di “Dust”, il molto più convenzionalmente pop-rock “Unshattered” (2004), del quale avremo modo di parlare in un’altra occasione.

– Mat

Annunci

Autore: Matteo Aceto

Nato negli anni Settanta, abruzzese con un pezzetto di cuore lasciato a New York, marito, papà, impiegato, tifoso della Ferrari, nostalgico di Schumi e dei vecchi campioni del pugilato, lettore avido ma distratto, cinefilo che rivede sempre gli stessi film, compratore assiduo di dischi.

5 thoughts on “Peter Murphy, “Dust”, 2002”

  1. Il didgeridoo! 😀
    Un giorno con un esperto di strumenti etnici ne ho costruito uno per far giocare mio figlio. Mea culpa: da grande appassionato dei Bauhaus sono colpevole di essermi perso questo album. Rimedierò alla prima occasione. Com'è Peter di persona, cordiale?
    Thanks, alla prossima.

    Mi piace

  2. Lucien,
    vedrai che questo disco ti piacerà. Peter? Molto cordiale, disponibile, divo quanto basta. Appena scese dal suo autobus, mio fratello & io gli andammo incontro: 'buon-ciornou!' ci disse tutto sorridente tendendomi la mano. E' alto, me l'aspettavo più piccoletto e mingherlino.

    Gianf,
    abbiamo tutti le nostre nicchie sonore! 😉

    Mi piace

  3. Album “scaricato” (è sempre una brutta parola da usare..) Lo sto ascoltando in questi giorni. Di difficile assorbimento, devo dire che i primi ascolti mi stanno stregando!!! Gran bel consiglio Mat, grazie come sempre 😉

    Mi piace

  4. E sì, Donnigio, la prima impressione è quella ma, come evidentemente ti sei già accorto, “Dust” è un disco che ti cattura con ascolti successivi. Grazie a te per esserti fidato! 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...