Avere un blog

scrivereAvere un blog comporta un consumo di energie non indifferente. Ora io – un pigro, fondamentalmente – dovrei procedere con l’impaginare questo sito in una maniera più urbana  (o accattivante, come si dice in questi casi), scriverci qualcosa di serio (la parte più ardua), qualcosa che interessi i (pochi) lettori, fare anche in modo che il tutto risulti comprensibile e anche commentabile (non sono ancora sicuro di aver tolto bene la moderazione dei commenti, un’opzione che in effetti non ho mai gradito), il che comporta una scrittura scorrevole, senza errori (d’ogni genere) che va letta & riletta prima di premere il tasto “pubblica” con fare liberatorio.

Tutto ciò, come detto prima, comporta un consumo di energie non indifferente. Ecco, ad esempio, vorrei subito pubblicare queste poche e sconclusionate righe, tanto per vedere come viene visualizzato il tutto attraverso il mio pc, cioè come lo vede un lettore che, sfortunatamente, si è imbattuto in questo post.

Nel precedente blog che gestivo, ovvero la versione originale di Immagine Pubblica, riuscivo ad inserire un’immagine per ogni post, lì sulla sinistra, in alto; una cosa che mi è sempre piaciuta, quella d’inserire un’immagine, come per dare un tono generale al post stesso. Oltre all’immagine di turno, riuscivo anche ad inserire delle etichette che permettevano di classificare il post in questione per argomento (o argomenti), permettendo inoltre al lettore di cercare nel blog i temi che più potrebbero interessarlo. Riuscivo addirittura a linkare (è un termine orrendo, questo linkare, lo so… ma tant’è…) uno o più post precedenti, così da ampliare la lettura in senso modulare (o una roba del genere insomma).

Non so se sarò capace di tornare a fare tutto ciò, mi sento un po’ arrugginito, devo ammettere. Mi serve un po’ di tempo per ripartire, ecco tutto. Tutte queste parole per esprimere un concetto così banale? Purtroppo sì.

-Mat

Annunci

Autore: Matteo Aceto

Nato negli anni Settanta, abruzzese con un pezzetto di cuore lasciato a New York, marito, papà, impiegato, tifoso della Ferrari, nostalgico di Schumi e dei vecchi campioni del pugilato, lettore avido ma distratto, cinefilo che rivede sempre gli stessi film, compratore assiduo di dischi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...