Parole per Giuliano

Mi manca Giuliano. Questo blog non è più la stessa cosa senza i suoi commenti che, dal 2009, arricchivano di fatto i post di Immagine Pubblica. Giuliano Bovo, questo il suo nome, è stato – penso di poterlo dire senza offendere nessuno – il mio miglior amico blogger. Ecco, se devo trovare un pregio, un’utilità, un solo motivo esistenziale valido per questo mio modesto blog è l’avermi dato la possibilità, il piacere e – credo ogni giorno sempre più – il privilegio di conoscere Giuliano.

Giuliano che non è più fra noi da giusto un anno, dal 27 novembre 2020. Giuliano che io non ho mai avuto modo d’incontrare di persona e che, ricordandomi ormai atrocemente di un’email in cui mi scrisse che “un giorno ce lo faremo quel discorso” (viso a viso, finalmente, a proposito d’un regista che abbiamo amato, Federico Fellini), so che ormai quel giorno non potrà mai essere. Giuliano, lui lombardo, che mi scrisse, in quell’email o forse in una delle altre che ogni tanto ci scambiavamo in quegli anni tra il 2009 e il 2018, che aveva uno zio a Cocullo, nel mio Abruzzo, e che quindi un nostro incontro sarebbe stato possibile.

Avrei potuto cercare di realizzarlo quell’incontro. Invitare Giuliano, tutto qui, perché no? Nel frattempo, io, avevo messo su famiglia. Sono diventato padre di due bambini, ho avuto meno tempo per il mio blog e soprattutto per il suo. In breve, ho trascurato quella nostra amicizia sì virtuale, mediata da un computer collegato in rete, eppure vitale e sincera come poche. Ero comunque felice per lui, perché aveva ripreso a scrivere di quello che più lo appassionava, il cinema e l’opera, dopo anni in cui – probabilmente disilluso – era rimasto inattivo come blogger. E questo ritorno, per me assai gradito, anche grazie a Giacinta, che qui saluto e ringrazio con affetto.

Anch’io, come Giuliano, ho ripreso a scrivere sul blog dopo un periodo di inattività, tra alti e bassi, tra disillusioni e disincanti (e ben sapendo che lui era ancora con me, tra i pochissimi, sempre presente) finché nel dicembre 2020 non ho pubblicato un post dedicato a “Disintegration“, il capolavoro dei Cure. Avrei voluto scriverne qualche altro nelle settimane seguenti ma, più il tempo passava, e più mi dicevo che quel titolo, “Disintegration”, era troppo perfetto per chiudere così Immagine Pubblica, un blog che avevo resuscitato nel 2016 ma che – dopo i canonici quattro anni di vita d’un blog (questo, pare, è quanto dicono le statistiche) – mi sembrava ormai giunto alla sua fine naturale.

I mesi passavano, la preoccupazione per la pandemia tuttora in corso mi attanagliava, il blog sembrava un vago ricordo. Non Giuliano, però. Anzi, proprio a lui, chissà poi perché, mi ritrovavo più a pensare quando mi chiedevo che cosa stessero facendo i miei amici, come se la stessero passando in quei mesi complicati. Un giorno di febbraio, infine, mi sono detto “fammi scrivere un’email a Giuliano, che è da tanto che non lo sento”. Prima di farlo, tuttavia, ho pensato che magari sarebbe stato meglio vedere cosa stesse scrivendo lui in quei giorni sui suoi blog, lasciargli qualche commento e quindi – una volta riannodato il filo d’un discorso che andava avanti da dieci anni – scrivergli in privato.

Tuttora provo un senso di grande smarrimento al solo pensare che, mentre mi accingevo a contattarlo, il mio amico era in realtà morto già da tre mesi. È un qualcosa che, a distanza di un anno da quella morte, faccio ancora fatica a razionalizzare, nonostante le belle parole di Giacinta e il suo continuo omaggio a Giuliano in quel blog a dir poco notevole – Il cavallo di Brunilde – che adesso conduce da sola. Giuliano mi manca. Ecco il punto. E forse è per questo motivo che sono ancora qua, sul blog, da solo. – Matteo

Autore: Matteo Aceto

Lettore onnivoro, cinefilo selettivo, compro ancora dischi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...